27 novembre, 2011

Abracadabra


A volte sono lì e penso che la vita assomigli un po' a uno spettacolo di magia, di quelli fatti bene, sfarzosi, grandiosi, enormi, quelli più importanti di tutti i tempi.

Stare seduti in prima fila ad uno spettacolo di Hudini.

Sei comodo, in poltrona, ed assisti ad ogni tipo di numero. In cuor tuo sai che ogni fazzoletto colorato, ogni colomba, ogni cilindro ogni movenza del prestigiatore è falsa.
O meglio, è vera, le cose esistono perché le vedi davanti ai tuoi occhi, accadano realmente, ma tu, già prima di entrare in quel gran tendone chiamato vita sai già che ogni numero è un becero trucco, una finzione, un'illusione.

Potrai anche emozionarti, rimanere estasiato, divertirti, commuoverti, ma una volta uscito da quel gran baccano che è stato lo spettacolo, la certezza che sia stato tutto finto tu ce l'hai e non potrai nasconderla.
Perché tu no, di trucchi non ne conosci.


12 commenti:

Josef K. ha detto...

Rileggendo mi è venuto in mente un film che in qualche modo si ricollega al post, ma a cui non ho pensato minimamente mentre lo scrivevo.

Il film è L'illusionista di Chomet.
Guardatelo, diverrete persone migliori.

Conte di Montenegro ha detto...

Se sei fortunato assisti ad uno spettacolo di Hudinì... ma può toccarti anche il mago Casanova.

OrsaBIpolare ha detto...

Incredibol!
Stavo per staccare e decidere quale film vedere.QUELLO era uno dei prescelti.
Domani sarò una persona migliore :)

Giovy ha detto...

A me la magia m'ha sempre lasciata un po' così.
Poi ho visto un film (The Illusionist) e ne sono stata conquistata.

Hombre ha detto...

ok mi hai convinto, passo da buffetti a vedere se c'è, anche se mi sembra difficile diventare una persona ancora migliore di quella che già sono.
che Josef K. mi perdoni!

(questo blog ti fa sentire Dio, c'è poco da fare)

culo sporco ha detto...

guarderò quel film. spero sia bello.
the illusionist è carino.
the prestige meno. o forse è il contrario, non mi ricordo mai.

Carino anche il post. Non so perchè ma mi hai fatto venire in mente Kerouac. senza la meditazione.
e senza la benzedrina.

non riesco a commentare con l'account blogger. mi ha cancellato il commento 4 volte dio can.

Josef K. ha detto...

Josef K., grazie lo guarderò. Grazie per la visita!

Conte, cazzo quelli sì che son problemi.

Orsa, se lo vedi pretendo un tuo post per recensirlo. Quack!

Giovy, credo che quello sia un gran film, purtroppo ne ho visto sol un pezzo.

Hombre, fammi sapere anche tu, e tieni tuo figlio lontano dalle croci!

Bill culo sporco, la benzedrina costa troppo. Per il problema dei commenti non temere, ho già assunto 2 laureati in informatica per rendere il problema ancor più sgradevole.

La Carta ha detto...

A me è venuto in mente "The prestige" diretto da Christopher Nolan.
Poi mi sono ricordato che tutto questo è un illusione, che voi siete frutto della mia schizofrenia e che Hitler non è morto e fa il programmatore di videogiochi ( persino di buona qualità)...

Sileno27 ha detto...

io qualche trucchetto lo conosco.

OrsaBIpolare ha detto...

Sono la stessa testa di minchia di sempre :)
(anche se poi l'ho visto...)
Superquack!

lutileidiota ha detto...

Oh, cazzo. Bel post. Mi ha fatto venire in mente uno straordinario e toccante (guarda caso!) film in bianco e nero di Woody Allen: OMBRE E NEBBIA.

Lo consiglio caldamente in questo freddo periodo invernale!

Ciao!

Josef K. ha detto...

La Carta, quando lo dico io, QUANDO lo dico IO.

Sileno, l'alcool non vale.

Orsa, pretendo la recensione, non so con quale diritto ma la pretendo. Quack

Lutile, lutile, lutile (so che in realtà siete in tre!) se ti ho fatto venire in mente quel film è chiaro che anche tu, come sileno, fai ampio uso di bottiglie piene di alcool.
Ciononostante mi unisco al tuo coro (siete in tre) e consiglio anche io Ombre e nebbia.

Posta un commento