05 novembre, 2011

Steve Jobs freddo


Come forse avrete sentito, Steve Jobbs ha arrestato il sistema.

Lo so, lo so. La notizia per voi internauti maniaci del refresh sarà già bella che vecchia. Io invece l'apprendo solo ora.

Uno degli svantaggi nell'avere ancora un nokia 3310.

Si dice che i medici abbiano provato di tutto per salvarlo, ma questa volta la manovra Ctrl+Alt+Canc non ha funzionato.

Magari una volta.

Era malato da tempo. La mattina, quando si alzava emetteva lo stesso suono di quando si avvia Windows.

L'autopsia ci mostra che la situazione era più grave del previsto.


Steve Jobs era figlio di un'americana e di un siriano, ma fu dato in adozione sin da subito.
Ecco la prima differenza con l'Italia. Se qui sei figlio di un siriano la tua più alta prospettiva di lavoro sarà quella di fare il kebabbaro.
Se ti va bene, potrai farlo in un garage.

Anch'io ho passato la mia adolescenza in un garage. Ma non perdevo certo tempo a cercare di cambiare il futuro con stupidi oggetti tecnologici.
Perdevo il mio tempo a bere e fumare. E ora guarda dove sono, da nessuna parte.
Ma me la sono spassata alla grande!
In più riesco ancora ad accendere un pc.
Sorry Steve.

No davvero.
Jobs ha fuso il design con l'informatica. Con notevole rialzo dei prezzi. Bella idea certo.


Ma Steve era anche un grande arringatore di folle.
Famoso il suo discorso effettuato in Cina nella fabbrica della Foxconn in cui disse la frase per cui viene ricordato: "Stay hungry, stay foolish".
Frase che tra l'altro non è neanche sua, come ammette nello stesso discorso.
Per l'hungry i lavoratori cinesi lavoravano 13 ore al giorno senza pause. Per il foolish bastava lavorare in dei locali vomitevoli e angusti insieme ad altre decine di costruttori di futuro.


-"Se sommassimo i soldi presenti nei nostri portafogli in questo momento avremmo una cifra superiore al PIL dell'Uzbekistan!"
-"Cristo ma è fantastico!"

Intanto è uscito l'iPhone4S e fa già registrare un record di vendite. Scommetto che se l'avesse saputo, Steve sarebbe morto prima.

Questo era un messaggio tra le righe per Zuckerberg.
Pensaci Mark.

Tipici Idiot

Commovente le file di fan iPadmuniti fuori dagli apple store per commemorare la morte di Steve.
Commovente per i gestori degli apple store.

Cosa significa commemorare l'inventore con la sua invenzione.
Se ci pensate bene tutto ciò non ha senso.
Insomma, non mi pare di aver visto gente con lampadine in mano ai funerali di Thomas Edison.
O gente con delle saponette in mano ai funerali di Hitler.
E di certo non andrò a quelli di Berlusconi con il conflitto d'interessi.


Pensaci Silvio.

Ah, intanto ricordo che, per rispetto, la Melinda venderà mele già morse.

Manco a farlo apposta pochi giorni dopo è morto anche Dennis Ritchie.
Ma a quanto pare nessuno se n'è fottuto niente. Eppure anche lui ha rivoluzionato il mondo dell'informatica proprio come Jobs.
Sicuramente guadagnandoci meno.


Ne deduco che per essere ammirato o ricordato come un genio, non serve aver avuto una grande idea. Serve avere, un po' come in ogni cosa nella vita, un mucchio di soldi.
Più soldi hai, più sarai rimpianto.
Mozart morì sensa un soldo, eppure mi pare che la sua musica abbia un valore ancora oggi.

-Ehi è morto Mozart!
-Chi?
-Dai quello che ha scritto 'Le Nozze di Figaro'.
-Quindi era ricco?
-No. Talmente povero da non avere neanche le tasche.
-Chi se ne fotte allora! Vado a comprarmi un iphone.






11 commenti:

Conte di Montenegro ha detto...

Cioè, tu vuoi farmi credere che Berlusconi morirà?!?!?! Sei troppo ottimista!

Kisciotte ha detto...

Beh, tu potrai sempre andare al funerale del nano arkoriano con due assexoresse regionali sottobraccio.

Ma Mozart chi? Il pasticciere di Salisburgo?

Bel pezzo saponato!

MaiMaturo ha detto...

Bravissimo! Post geniale.
E bloggers di questo calibro mi leggono ... mah, mistero.

Hombre ha detto...

basta collo sbadilare materia fecale sulle braci ancora calde del buon stiv che, vi ricordo, ha ancora in cantiere prodotti tecnologici capaci di rivoluzionare profondamente le nostre esistenze dannate (la sua meno). p.e.
iMach - il computer più veloce mai progettato (magari il rumore può dare un po' noia, all'inizio)
iProd - un piccolo elaboratore alimentato a mortadella, chiamato anche il professore e che può soppiantare l'iPod Nano.
iPrad - una vera chicca fashion
iClaude - una sorta di walkman con le cover ispirate a Monet.

SCIUSCIA ha detto...

Ho visto una foto di Jobs giovane insieme a uno dei primi Mac. Non pareva un nerd. Pareva un fico, un bussone. Quindi si conferma la teoria che è meglio essere belli, che capaci.

OrsaBIpolare ha detto...

"Intanto è uscito l'iPhone4S e fa già registrare un record di vendite. Scommetto che se l'avesse saputo, Steve sarebbe morto prima."

Anche solo con questa frase, avresti fatto una sintesi perfetta di ciò che penso (in definitiva) di quell'uomo.
Bellissima!

Alice ha detto...

Che si fotta Jobs e si fottano tutti i malati di mente apple-patici

Josef K. ha detto...

Conte, zitto zitto che quasi quasi c'ho preso.

Kisciotte, dai Mozart, quello che componeva sull' Ipiano.

Hombre, la rivoluzione è alle porte, basta non andare ad aprire.

Sciu, infatti io sono bello.

Orsa lo ammetto, quando i tempi saranno maturi proverò anch'io con la morte per aumentare la mia notorietà. La morte di un mio sosia, ovvio.

Alice, parti col botto. Ottimo.

lutileidiota ha detto...

Io personalmente ho sempre trovato molto urticante la figura di Jobs. Ne ho parlato anche qui: http://lutileidiota.wordpress.com/2011/10/07/infojobs/

Ma questa è un'altra storia.

La drammatica sorte che ha colpito l'inventore del linguaggio C però mi ha fatto riflettere.
Quando morì il buon Gigi Sabani, proprio dopo essere stato scagionato da vallettopoli, venne a mancare anche Pavarotti.
Invece di piangere un povero artista bistrattato si pianse un adultero riccone simbolo del made in Italy nel mondo. Come la mafia e il mandolino.
Peccato.

Josef K. ha detto...

Lutile lo so, ti ho conosciuto proprio grazie a quel post.

Spero scherzassi su Sabani ;)

Il Democritico ha detto...

COSA? È MORTO GIGI SABANI?

Posta un commento